Ph. P. Mallardo

Nuovo singolo: ZONA ROSSA dal 4 Luglio 2021 su tutti i network digitali.

ZONA ROSSA – Imperatore — (UPC 198000633028)
© & (P) 2021 Maxsound di M. Carola – All rights reserved worldwide

Elena Imperatore – Voce
Foggy (Francesco Pintaudi) – Basso
Floriano Roffi – Fisarmonica
Imperatore – Voce, chitarre, percussioni, tastiere

Mastering: Max Carola
Produzione artistica: Imperatore

Video
Regia e montaggio: Max Carola
Soggetto: Imperatore
Cast: Elena Imperatore, Maria Teresa Esposito Vulgo Gigante

Zona Rossa, in uscita il 4 luglio 2021, è il primo singolo di Imperatore tratto dall’omonimo album la cui uscita è prevista per settembre 2021.
Un album come i classici della discografia degli anni ’70 e ’80, con una viva identità. Canzoni che hanno origine in un tempo o un luogo “lontano” dentro di noi, materializzandosi in una dimensione “local” e nel contempo “global”, con influssi provenienti ora dal blues, ora dalla psichedelia, o dal folk rock di Dylaniana memoria

Di Zona Rossa faranno parte anche alcune canzoni nate su poesie di Antonio de Curtis e Eduardo de Filippo, a seguito del lavoro teatrale “Penziere e Femmene” che Imperatore ha sviluppato con la nipote di Totò, Elena Anticoli de Curtis.

Zona Rossa
Passano sti juorne senza nomme e senza bbene
Chesta luna can nun saje si fa o vero
E aspetta chistu tiempo ancora che rimane
N’ata storia a raccuntà pe nun sta sulo
Sona sona comm’a nu criaturo
S’è scetato dint o’ viento senza paura
Canta ncopp all’onne e vola chesta voce
A vvote è triste a vvote è ddoce
E dimme ca vene Dimane stu tiempo s’è fermato
E o ssaje a me… me tremmano a mane
Sento chesti mane piccerelle che t’astregno
E chist’uocchie ca me parlano lucente
Nuje ca ce perdimm abbracciate dint’a sta luce
Chesti voce ca vonno fa pace
Sona sona fino a che tiene a voce
E alluccà chello ca vuò e ca te piace
Vieneme vicino e siente chistu core
Ca te parla zitto zitto e nun fa male

Passano i giorni senza nome senza bene Questa luna non sai se poi à vera Attendi questo tempo ancora che resta Un’altra storia da raccontare per non stare solo Suona suona come un bambino Si è svegliato nel vento senza paura Canta sulle onde e vola questa voce a volte triste a volte dolce Dimmi che viene Domani Il tempo si è fermato lo sai, mi tremano le mani Sento queste piccole mani che ti stringo E questi occhi che mi parlano lucenti Noi che ci perdiamo abbracciati nella luce Queste voci vogliono fare pace Suona suona fino a che hai la voce Di urlare ciò che vuoi e che ti piace Vienimi vicino e senti questo cuore Che ti parla in silenzio e non fa male Dimmi che vieni Domani Il tempo si è fermato lo sai, mi tremano le mani